Info

Pro Loco di Terminillo:

Piazzale Zamboni n.10 02100 Monte Terminillo (RI)

Email: info@prolocoterminillo.it

 

Monte Terminillo

Il massiccio del Terminillo, che domina sulla città e la provincia di Rieti, è il più importante nella catena dei Monti Reatini, nel cuore dell’Appennino abruzzese. È costituito da diverse cime che superano i 2000 metri, con la più alta, quella del Terminillo, ad ottenere il titolo di settima vetta del Lazio con i suoi 2217 metri. La parola “Terminillo” viene da Terminus, l’antico dio delle pietre e dei confini assimilato poi a Giove. “In onore di Terminus, il Limite, i Romani celebravano sacrifici pubblici e privati al margine dei campi”, scrive Plutarco nella Vita di Numa. Inoltre, esiste sul monte la località Cinque Confini (dove si incontrano Rieti, Cittaducale, Castel Sant’Angelo, Borgo Velino e Micigliano), e nei pressi un colle chiamato “Colle del Termine”; per secoli il Terminillo rappresentò anche il confine fisico tra lo Stato della Chiesa e il Regno di Napoli.

Grazie alla presenza di notevoli impianti sciistici, all’abbondanza di sentieri e alla ricchezza della flora e fauna locale, il Monte Terminillo è una meta apprezzatissima soprattutto dai romani, tanto da essere anche nota come “montagna di Roma”. Divenuto località sciistica e vacanziera a partire dagli anni Trenta del Novecento, quando la ripida mulattiera precedente fu sostituita dalla strada che oggi collega Rieti alla zona di Pian de’ Valli, è molto frequentato sia in inverno che in estate ed è sede, a febbraio, del Terminillo Film Festival e del Terminillo Sleddog Event. Nella seconda metà del Novecento ha ospitato diverse personalità, come i celebri attori Eduardo de Filippo e Gina Lollobrigida, che sposò il medico sloveno Milko Skofic nella Chiesetta degli Alpini.

 

Poco lontano dagli impianti sciistici di Campo Stella (discesa), Fontenova e Vallonina (fondo) a Leonessa, Campoforogna possiede 12 chilometri di piste da sci e 26 chilometri per lo sci di fondo provviste di illuminazione notturna, con tapis roulant, skilift e seggiovie sia biposto che quadriposto. È possibile, inoltre, praticare lo snowboard e cimentarsi in escursioni con o senza racchette da neve, seguendo i percorsi segnalati verso i monti Elefante, Cardito, Terminilletto o la vetta del Terminillo, e godendo di splendidi paesaggi. Si torna poi a Pian de’ Valli per sorseggiare una meritata cioccolata calda in uno degli accoglienti alberghi della zona, o passeggiare tra ristoranti e negozi fino al Tempio Votivo di San Francesco.

 

Molti sono i rifugi su queste vette, che consentono un’esplorazione in tutta sicurezza. I sentieri che conducono alla Vetta Sassatelli, Vall’Organo e Sella di Leonessa sono consigliati durante la stagione estiva, quando il monte diventa la meta ideale per gli amanti di trekking, mountain bike, equitazione e corsa in montagna. La funivia che collega Pian de’ Valli e il Terminilletto, invece, è in funzione tutto l’anno: dalla cima del monte si ha una vista spettacolare. Per chi è alla ricerca di semplice, sano relax, infine, la località di Pian de’ Rosce, a 1115 metri di altitudine e legata alla leggenda di un cavaliere templare chiamato Guy de la Roche, è consigliata per tranquille passeggiate fra i boschi e spensierati picnic tra amici o in famiglia.

Designed by Bottega Vaquier