1/11

Pro Loco di Rivodutri:

Piazza del Municipio
Rivodutri

info@prolocorivodutri.it

 

Info

Porta Alchemica

Costruita tra il XVI e il XVII secolo, questa porta monumentale in pietra calcarea rappresenta una delle costruzioni più misteriose del Lazio.

La Porta Alchemica di Rivodutri - conosciuta anche come Porta Santa, Porta Ermetica o Porta di Nicolò, dal nome della famiglia a cui appartenne dal 1757 al 1874 - è situata oggi in Via Umberto I e si apre su un giardino dedicato ai caduti durante le Guerre Mondiali. Originariamente fungeva da accesso principale del gentilizio palazzo barocco della famiglia Camiciotti, amministratori di beni pubblici ed ecclesiastici; nel 1757 Don Bernardino Camiciotti vendette il palazzo ai Nicolò, che a loro volta lo cedettero al Comune nel 1874 per realizzarvi la Scuola femminile e le abitazioni per gli impiegati. Tuttavia, il terremoto del 31 dicembre 1948 distrusse l’edificio scolastico e la porta, che era parte integrante della facciata, fu custodita per anni in magazzini comunali prima di essere spostata nel luogo attuale negli anni ‘70.

L’arco è decorato con sculture esoteriche, bibliche e alchemiche non ancora del tutto interpretate, a cui si affiancano miti greci e le allegorie delle stagioni e dei quattro elementi. Tutto ciò si rifà quindi a simbologie cristiane, cabalistiche e orfico-pitagoriche, in sintonia con il pensiero alchemico del Rinascimento. Altri simboli sono Ermes, primo ricercatore della pietra filosofale, e la palma, evocativo di elevazione, rinnovo, vita eterna, equilibrio e fascino. Diverse incisioni ornano la porta: QUID HOC FORTIUS, LA NAVICELLA CHE ATTRAVERSA IL MARE, L'ALBERO CON I FRUTTI, EX TUA MEA LUX - EX MEA TUA, TOT MIHI SUNT VIRES e REX E REGINA. In alto, sopra al cuore fiammeggiante di Cristo simbolo universale dell’amore, è l’Ermafrodito.

Il fatto che i Camiciotti abbiano commissionato una simile porta può spiegarsi nella moda di diversi aristocratici, all'epoca, di apprendere le conoscenze esoteriche, come Massimiliano Palombara marchese di Pietraforte, committente della Porta Alchemica di Villa Palombara a Roma. Secondo i Professori Valerio Leoni, Monica Sampalmieri e Luca Vannozzi, l’Arco “riporta i simboli che esprimono la trasmutazione non solo e non tanto dei metalli in oro, quanto della psiche e dei rapporti tra corpo-anima-spirito nell’uomo”.

Designed by Bottega Vaquier